Devil’s Kiss

DEVIL’S KISS…

Traduzione: Giorgio Salvi
Autore: Sarwat Chadda
Uscita: 3 Maggio 2011
Edito da: Mondadori
Titolo: Devil’s kiss
Pagine: 400 p

“Un angelo rinnegato. Una giovane guerriera. Un bacio dannato.”

TRAMA:

Billi SanGreal di giorno è una ragazza irrequieta e solitaria, ma di notte è ostaggio di un’oscura profezia: è l’unica donna ammessa nell’ultimo drappello dei Templari, e nel segreto più assoluto viene addestrata a combattere come uno spietato guerriero. Ma quando conosce il seducente Mike si scopre a desiderare di essere un’adolescente qualsiasi, una che possa innamorarsi anziché combattere contro i demoni. Baciarlo si rivela però un’errore fatale: Mike non è ciò che sembra, e la metterà di fronte a scelte disumane.

Billi scopre infatti che Londra è in pericolo, e così l’intera umanità. Con l’aiuto del fedele Kay, giovane Oracolo dell’Ordine, la ragazza si lancerà in un’inesorabile corsa contro il tempo, per trovare l’unica arma capace di uccidere gli angeli ribelli, ma anche la forza necessaria a compiere un estremo, atroce sacrificio.

RECENSIONE:

Salve miei cari lettori 🙂 .

Oggi sono qui a fare una recensione sul primo libro di una trilogia pieno di avventure, strategie, un pizzico di horror e un soffio d’amore. 😀

Vorrei incominciare col dire che la storia non è perfettamente basata sulla trama sdolcinata, ma è un romanzo di demoni, umani impossessati e angeli caduti, sacrifici per Dio, bugie che cambieranno la vita di Billi, verità che non riuscirà ad accettare… Tutto racchiuso in parole di terrore, dolore, malinconia, amore e sgomento.

La protagonista non si farà trasportare da idee e amori adolescenziali; le sarebbe tanto piaciuto, ma la sua vita era in una stanza odorante di ferro, sudore, sangue e dolore; una stanza in cui una “giovane signorina” non adorerebbe mai passarci così tanto tempo. Billi è una guerriera che protegge Londra, il mondo e gli umani che non sanno nulla della loro gloriosa e coraggiosa essistenza.

È un romanzo che mi ha trasportata; Chadda è riuscito a descrivere quasi perfettamente ciò che provava il personaggio o l’ambiente che lo circondava, ma in alcuni casi mi sono ritrovata come terza persona del racconto; come se fossi al cinema e non riuscissi a immedesimarmi a fondo nel personaggio o nella storia.

La protagonista, nel romanzo, dimostra un gelido coraggio e il suo controllo delle emozioni, reprimendo (per poco) la pietà e l’amore per il piccolo umano impossessato; è una ragazza-guerriera piena di grande abilità e agilità nell’utilizzare le sottili e lucenti lame d’argento; una ragazza cresciuta senza l’affetto della sua mamma morta e del suo papà che s’importa solo del suo atteggiamento e allenamento da grande Templare; ma Billi è anche il punto debole dei Cavalieri e ad accorgesene sarà Mike, che raggiungerà la fiducia della ragazza

All’inizio non presentava nessun climax che suscitasse maggior interesse ma con il passare delle pagine si è rivelata sempre più convincente e appassionante. La protagonista si ritrova in una debolezza sentimentale trovando la sua vita inutile e distrutta da suo padre che decide tutto ciò che lei odia di più; lei desiderava solo una vita normale come tutti gli altri adolescenti che si ritirano a notte fonda e che si svegliano a metà mattinata prendendo la vita come un gioco e un divertimento, ma purtroppo per lei non avrà nulla di ciò che richiede; solo notti a uccidere creature che gli umani non conoscono, albe passate in una stanza semibuia ad allenarsi e ad evitare di crearsi macchie violacee sulla pelle per non dimostrare ai suoi compagni di scuola che suo padre non è uno psicopatico assassino.

La storia creata da Chadda ricorda tanto una tela di un ragno; più si raggiunge la parte centrale e più riesce a catturare la mente del lettore. In particolare ho trovato davvero interessante l’ultima parte del racconto dove Billi finalmente aveva la libertà di fare una sua scelta e sarà la più importante per arrivare al suo scopo. Mike. Ma per lei non sarà facile, dovrà avverare ciò che l’oracolo Kay, il suo migliore amico d’infanzia, aveva previsto per il suo futuro. Compiere un difficilissimo e straziante sacrificio, e in futuro non se ne darà pace.

DOMANDE:

(Attenzione possibili spoiler!)

Per chi avesse letto il libro ecco alcune domande che vi pongo:

  • È stata saggia la decisione presa da Arthur, di non dimostrare affetto per la figlia?
  • È stato davvero utile il sacrificio di Kay?
  • Billi doveva uccidere Arthur e avere la spada di Satana?
  • Billi ha sbagliato a stringere amicizia con Mike?
  • Billi ha sbagliato a seguire Mike di notte?

Aspetto una vostra risposta nei commenti!! 😉 😀

By: Alessandra Carriere

δφ

Precedente Carpediem Successivo Amicizie Magiche